mail unicampaniaunicampania webcerca

    Gruppi di Ricerca

    Nell'ambito del Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli operano i seguenti Gruppi di ricerca:

    Autonomia contrattuale, tutele e nuovi bisogni di protezione emergenti dal mercato

     

    GRUPPO DI RICERCA 2018

     

     

    COORDINATORE

    Prof. Francesco Sbordone

    PARTECIPANTI

    Proff. Enrico Minervini, Carlo Venditti, Francesco Sbordone, Antonio Maria Marzocco, Raffaele Picaro, Roberta Catalano, Alessia Fachechi

    DESCRIZIONE DELLA RICERCA

     Il Gruppo di ricerca concentra la sua attività di studio e ricerca sul dato normativo, giurisprudenziale e dottrinale - italiano ed europeo - in materia di contratto e di tutele contrattuali, al fine di verificare se ed in che misura i nuovi interessi e le nuove esigenze di protezione emergenti dal mercato ne abbiano determinato e continuino a determinarne l'evoluzione e la modernizzazione. Il Gruppo è attivo dal 2014 e si caratterizza per il fatto che ciascuno dei componenti analizza uno dei profili della materia, salvo poi condividere con gli altri gli esiti dell'esame svolto al fine di far convergere le esperienze realizzate e consentire una riflessione collettiva anche in prospettiva interdisciplinare (i componenti sono civilisti e processualcivilisti).

    Il Gruppo, per il prosieguo, con tutti o parte dei propri componenti, intende partecipare a bandi competitivi finalizzati al finanziamento di progetti di ricerca, proponendo come tema quello generale prescelto o eleggendone un particolare profilo da approfondire.

    PRODOTTI DI RICERCA

    ·         Enrico Minervini, Monografia, Dei contratti del consumatore in generale, Giappichelli, 2014, 3ª edizione, pp. 1-185, ISBN 9788834849866

    ·         Enrico Minervini, Monografia, L’Arbitro Bancario Finanziario, Una nuova «forma» di ADR, Edizioni Scientifiche Italiane, 2014, pp. 1-106, ISBN 9788849527933

    ·         Enrico Minervini, Le prescrizioni presuntive, in G. Di Lorenzo, A.M. Gambino, M. La Pietra, E. Minervini, F. Roselli, S. Ruperto, La prescrizione, II, Artt. 2941-2963, in Il Codice Civile, Commentario fondato da P. Schlesinger e diretto da F.D. Busnelli, Giuffré, 2014, 2ª edizione, pp. 293-383, ISBN 9788814186974

    ·         Enrico Minervini, Il negozio di accertamento, in L. Ruggeri ed E. Minervini, Contratti transattivi e negozi di accertamento, in Trattato di diritto civile del Consiglio Nazionale del Notariato diretto da P. Perlingieri, Edizioni Scientifiche Italiane, 2016, pp. 183-264, ISBN 9788849530704

    ·         Enrico Minervini, I sistemi di ODR, e ODR e tentativo obbligatorio di mediazione, in E. Minervini, Le Online Dispute Resolution (ODR), Edizioni Scientifiche Italiane, 2016, pp. 7-14 e 45-52, ISBN 9788849530896

    ·         Enrico Minervini, Articolo su rivista di classe a, Azione inibitoria e contratti dei consumatori, in Rassegna di diritto civile, 2014, pp. 618-628, ISSN 0393-182X

    ·         Enrico Minervini, Articolo su rivista di classe a, La normativa di trasparenza in materia di interessi e commissioni, in Diritto della banca e del mercato finanziario, 2014, pp. 675-681, ISSN 1722-8360

    ·         Enrico Minervini, Articolo su rivista di classe a, Le categorie del diritto civile (a proposito di un libro recente), in Rassegna di diritto civile, 2015, pp. 712-716, ISSN 0393-182X

    ·         Enrico Minervini, Articolo su rivista di classe a, I contratti di destinazione patrimoniale (a proposito di un libro recente), in Rivista di diritto privato, 2016, pp. 33-34, ISSN 1128-2142

    ·         Enrico Minervini, Articolo su rivista di classe a, L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e la violazione dei diritti dei consumatori nei contratti, in Concorrenza e mercato, vol. 23/2016, pp. 485-496, ISBN 9788814218279

    ·         Carlo Venditti, La simulazione, in G. Amadio, F. Macario (a cura di), Diritto civile, Norme, questioni, concetti, vol. I, Parte generale – Le obbligazioni – Il contratto – I fatti illeciti e le altre fonti delle obbligazioni, Il Mulino, Bologna 2014, pp. 837-848, (ISBN 978-88-15-24570-0)

    ·         Carlo Venditti, Recenti questioni in tema di mutuo, in AA. VV., La giurisprudenza del foro napoletano e gli orientamenti nazionali ed europei in tema di obbligazioni e contratti, a cura di G. Perlingieri, O. Clarizia, A. Lepore, A. Fachechi, E.S.I., Napoli 2015, pp. 193-207, (ISBN 978-88-495-2974-6).

    ·          Carlo Venditti, L’autonomia contrattuale nella sperimentazione, in AA. VV., Aspetti etici della sperimentazione biomedica, Evoluzione, criticità, prospettive, a cura di Claudio Buccelli, edito dal Comitato Etico dell’Università di Napoli Federico II, Dipartimento di Scienze Biomediche Avanzate, Napoli 2015, pp. 46-52 (ISBN 978-88-9959-400-8).

    ·         Carlo Venditti, Questioni di biodiritto connesse al superamento dei naturali limiti umani, in R. Catalano, C. Venditti,Questioni di biodiritto nella filmografia cyberpunk, Editoriale Scientifica, Napoli 2017, vol. n.8, Collana Cinema Diritto Società, diretta da Claudio De Fiores, Fernando Flores Giménez, Maria Chiara Vitucci, pp. 29-48 (ISBN 978-88-9391-104-7).

    ·         Carlo Venditti, L’ordinamento sportivo nel quadro dei principi dell’ordinamento giuridico generale, in AA. VV.,Campionato di calcio e stato di diritto, a cura di G. Clemente di San Luca, Editoriale Scientifica, Napoli 2018, pp. 45-63 (ISBN 978-88-9391-421-5).

    ·         Carlo Venditti, The importance of legal proxy in end-of-life decisions in some western european countries, sezione 2 e 2.1, in collaborazione con D. Veshi (sezione 1 e 4) e con E. Koka (sezione 3), in Rivista italiana di medicina legale e del diritto in campo sanitario, fascicolo 3/2018, pp. 901-914, (ISSN 2499-2860) (Classe A).

    • Francesco Sbordone e Carmine Cesarano, L’avvalimento infragruppo, in Aa. Vv., L’avvalimento. Profili interdisciplinari, a cura di R. Cogliandro, con prefazione di R. Cantone, Milano, 2018.
    • Francesco Sbordone e Simonetta Troise, Il contratto di outsourcing informatico, in Commentario del codice civile diretto da E. Gabrielli, Dei singoli contratti, a cura di D. Valentino, vol. II, Torino, 2016.
    • Francesco Sbordone, Contratti telematici e transnazionalità della rete. Giurisdizione e legge applicabile, in Aa. Vv., Manuale di diritto dell’informatica, a cura di D. Valentino, Napoli, 2016.

    ·         Francesco Sbordone, L’UNCITRAL e l’edificazione di un Global ODR System, in Aa. Vv., Le Online Dispute Resolution, Napoli, 2016

    • Francesco Sbordone, Il diritto applicabile al merito della controversia nell’arbitrato commerciale internazionale, in Aa.Vv., L’autonomia negoziale nella giustizia arbitrale, Atti del X Convegno S.I.S.Di.C., Napoli, 2016.
    • Francesco Sbordone e Claudio Buccelli, La sperimentazione post-mortem, in Aa.Vv. Aspetti etici della sperimentazione biomedica, Napoli, 2015.
    • Francesco Sbordone, Alcune sintetiche osservazioni sul controllo giudiziale di fattibilità del piano di concordato preventivo: coerenza argomentativa e categorie civilistiche in Aa.Vv. La giurisprudenza del foro napoletano e gli orientamenti nazionali ed europei in tema di obbligazioni e contratti, Quaderni del Foro napoletano, Napoli, 2015.
    • Raffaele Picaro, Articolo in rivista di classe a, La modellazione informativa per l’edilizia e le infrastrutture, in Riv. giur ed., 2018, 6, pp. 393-423.
    • Raffaele Picaro, Articolo in rivista di classe a, La responsabilità civile sanitaria. Un percorso accidentato, in Rivista di Diritto dell’Impresa, 2017, pp. 635-656.
    • Raffaele Picaro, Articolo in rivista di classe a, La partecipazione delle Università ad enti di diritto privato nella prospettiva della Terza Missione, in Nuove Autonomie, 2017, pp. 411-432.

    ·         Antonio Maria Marzocco,CCE e accesso alla tutela giudiziale, in Contessa P., Del Vecchio P., Codice delle comunicazioni elettroniche, La Tribuna, 2018, pp. 53-60

    ·         Antonio Maria Marzocco, Risoluzione extragiudiziale delle controversie (art. 84 CCE), in Contessa P., Del Vecchio P., Codice delle comunicazioni elettroniche, La Tribuna, 2018, pp. 513-541

    ·          Antonio Maria Marzocco, Riserva di legge in materia processuale e potere regolamentare dell’AGCom: l’individuazione delle controversie sottoposte al tentativo obbligatorio di conciliazione nel Reg. 173/07/Cons, in Iannello C.,Le autorità indipendenti tra funzione regolativa e judicial review,ESI-Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli 2018, pp. 179-204

    ·          Antonio Maria Marzocco, Divieto sopravvenuto di arbitrato e diritto intertemporale, in G. Perlingieri, M. D’Ambrosio, Fonti, metodo e interpretazione, ESI-Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli 2017, pp.155-174

    ·         Antonio Maria Marzocco, Sugli effetti dell’istanza ex art. 410 c.p.c. nel sistema dell’obbligatorietà e in quello della facoltatività del tentativo di conciliazione, in Rivista Italiana di Diritto del Lavoro, 2014, pp. 119-126

    ·         Antonio Maria Marzocco, La struttura dell’esecuzione forzata su beni mobili corporali e su beni immobili nel diritto tedesco, in Rivista dell'esecuzione forzata, 2014, pp. 456-480

    ·         Antonio Maria Marzocco, Autorizzazione del « ricorso all’arbitrato » (art. 241, 1º co., D.lgs. 163/2006) e clausole compromissorie preesistenti: l’opinabile parallelo della Corte costituzionale e l’esegesi dell’art. 241, 1º co., in Rivista dell’arbitrato, 2016, pp. 74-108

    • Roberta Catalano, Monografia. Il pegno mobiliare non possessorio ex lege n. 119/2916, Napoli, 2018, Jovene Editrice, p. 1-123 ISBN 9788824325318.
    • Roberta Catalano, Articolo in rivista di classe A. L'ambito applicativo del pegno mobiliare non possessorio nella legge n. 119 del 2016, in Osservatorio del diritto civile e commerciale, 2018, p. 381 – 406, ISSN 2281-2628.
    • Roberta Catalano, Articolo in rivista di classe A. Rilevanza giuridica delle disparità tra contraenti e abuso di dipendenza economica, in Giur. it., 2017, p. 2355 – 2364, ISSN 1125-3029.

    ·         Roberta Catalano, Monografia. L'art. 2929 bis nel sistema dei rimedi revocatori, Napoli, 2016, p. 1-104, ISBN 978-88-495-3237-1.

    ·         Roberta Catalano, Articolo in rivista di classe a. Contratti solenni, forma scritta ad substantiam in funzione protettiva ed equipollenti della sottoscrizione: note critiche, in Banca, borsa e titoli di credito, 2016, p. 16-28, ISSN 0390-9522 

    • Roberta Catalano, Articolo in rivista di classe a. Profili di convergenza tra 'impresa' e 'professionista': la questione dell'ambito del divieto di abuso di dipendenza economica, in Rass. dir. civ., 2015, p. 1173-1194, ISSN 0393182X
    • Alessia Fachechi, Strumenti di finanziamento alternativi. Il social lending, in corso di pubblicazione
    • Alessia Fachechi, Alternative Dispute Resolution: a Work of Modern Art?, in corso di pubblicazione in Italian Law Journal
    • Alessia Fachechi, Le Online Dispute Resolution, in G. Bruno (a cura di), Diritto delle comunicazioni, in corso di pubblicazione
    • Alessia Fachechi, Commento agli artt. 141 bis – 141 decies, in corso di pubblicazione in G. Perlingieri, E. Capobianco e L. Mezzasoma (a cura di), Codice del consumo annotato con la dottrina e la giurisprudenza, Edizioni Scientifiche Italiane, in corso di pubblicazione
    • Alessia Fachechi, Il doppio binario della giustizia alternativa: mediazione obbligatoria e ADR di consumo, in Riv. giur. Molise Sannio, 2018;
    • Alessia Fachechi, Commento agli artt. 22-24 e 99-103, in C. Contessa e P. Del Vecchio (a cura di), Codice delle comunicazioni elettroniche. Commentario, Milano, 2018
    • Alessia Fachechi, Articolo su rivista in fascia A, A proposito di personality merchandising (nota a Trib. Milano, 16 agosto 2017, n. 8722), in Giurisprudenza italiana, 2108
    • Alessia Fachechi, Articolo su rivista in fascia A, Gli orientamenti dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in materia di pratiche commerciali scorrette (anno 2016), in Concorrenza e mercato, 2018, p. 411-421
    • A. Fachechi, Net neutrality e discriminazioni arbitrarie, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 2017, ISBN 9788849533736 (monografia)
    • A. Fachechi e G. Perlingieri, Presentazione, in G. Perlingieri e A. Fachechi (a cura di), Ragionevolezza e proporzionalità del diritto contemporaneo, I, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 2017
    • Alessia Fachechi, Ragionevolezza nella disciplina applicabile agli atti di autonomia, in G. Perlingieri e A. Fachechi (a cura di), Ragionevolezza e proporzionalità del diritto contemporaneo, I, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 2017, pp. 447-472
    • Alessia Fachechi, La gestione delle controversie finanziarie: il nuovo ACF, in Foro nap., 1/2017, pp. 377-388

    ·         Alessia Fachechi, Articolo in rivista di classe a, Gli orientamenti dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in materia di pratiche commerciali scorrette (anni 2014-2015), in Concorrenza e mercato, 23/2016, pp. 497-523, ISBN 9788814218279

    ·         Alessia Fachechi, Articolo in rivista di classe a, Il problema della disciplina applicabile tra tipicità e atipicità contrattuale, in Rass. dir. civ., 2016, pp. 1185-1223, ISSN 0393182X

    ·         Alessia Fachechi, Articolo in rivista di classe a, Rent to buy e variabilità della disciplina applicabile, in Rass. dir. civ., 2016, p. 97 ss., ISSN 0393182X

    ·         Alessia Fachechi, Monografia, La giustizia alternativa nel commercio elettronico. Profili civilistici delle ODR, Napoli, 2016, ISBN:9788849530919

    ·         Alessia Fachechi (con G. Mariconda),  Articolo su rivista di classe a, Il «sistema» delle pubblicità legali tra incertezze e contraddizioni, in Rass. dir. civ., 2/2015, pp. 501-529, ISSN 0393182X

    ·         Alessia Fachechi, Articolo in rivista di classe a, Azione inibitoria collettiva ed efficacia ultra partes del giudizio di vessatorietà (nota a Corte giust., 26 aprile 2012, c. 472/10), in Giusto proc. civ., 3/2014, pp. 785-811, ISSN:1828-311X

     

    The BioLaw in the new legislative action Il biodiritto nei nuovi interventi del legislatore

     

    COORDINATORE

    Prof. Lorenzo Chieffi

    PARTECIPANTI

    Proff.ri: Lorenzo Chieffi, Claudio De Fiores, Daniela Bifulco, Maria Pia Iadicicco, Raffaele Picaro, Laetitia Antonini-Cochin (Università di Nizza Sophia Antipolis), Paz Bossio Grigera (Università Nazionale di Jujuy), Christine Courtin (Università di Nizza Sophia Antipolis), María Belén Andreu Martínez (Università di Murcia) e José Ramón Salcedo Hernández (Università di Murcia)

    DESCRIZIONE DELLA RICERCA

    Il biodiritto è considerato da parte della dottrina la nuova frontiera dei diritti fondamentali. La ricerca intende analizzare questo campo di indagine partendo dalla legge 40/2004 e dalla relativa giurisprudenza costituzionale, che a più riprese è intervenuta dichiarando illegittimi, tra gli altri, il divieto di fecondazione eterologa e quello generale di analisi genetica preimpianto. Le decisioni della Consulta evidenziano su questo versante come possano talvolta confliggere principi e interessi costituzionali, per cui il criterio che deve ispirare il legislatore non può che essere quello del loro ragionevole bilanciamento. Ciò è ulteriormente dimostrato in un altro campo del biodiritto, come quello dei malati terminali. Infatti, la nuova legge del 22 dicembre 2017, n. 219, sulle disposizioni anticipate di trattamento (DAT), oltre ad aver colmato un importante vuoto normativo soprattutto in considerazione del continuo rinnovarsi delle conoscenze scientifiche, ha cercato di individuare un equilibrato bilanciamento tra le ragioni della scienza e la libertà di autodeterminazione della persona sul proprio corpo. Il gruppo di ricerca si coordinerà con il Centro Interuniversitario di Ricerca Bioetica, dal momento che molti suoi componenti sono anche membri di tale istituzione, e con il Centro de Estudios en Bioderecho, Ética y Salud (CEBES) dell’Università di Murcia, con cui da tempo si sono stretti proficui rapporti di ricerca. Si tenga conto, infine, che la ricerca approfondisce tematiche che il gruppo ha già affrontato, come comprovato da precedenti progetti di ricerca, da seminari internazionali organizzati sul tema e da pubblicazioni su riviste di Fascia A.

    PRODOTTI DI RICERCA

    1) Chieffi L., La tutela della riservatezza dei dati sensibili: le nuove frontiere europee, in federalismi.it, 2018;

    2) Chieffi L., Scientific questions nel diritto giurisprudenziale, in federalismi.it, 2017;

    3) De Fiores C., La dimensione normativa tra Stato e società in Antonio Gramsci, in Democrazia e diritto, n. 2, 2017;

    4) Bifulco D., L’abuso del diritto costituzionale. Un’ipotesi di lavoro, in Costituzionalismo.it, 5 ottobre 2018;

    5) Bifulco D., Defining Religion or Belief : the Approach of the European Court of Human Rights to the Interpretation of article 9 ECHR, in Diritto e Religioni, 2017;

    6) Iadicicco M.P., La lunga marcia verso l’effettività e l’equità nell’accesso alla fecondazione eterologa e all’interruzione volontaria di gravidanza, in Rivista Aic, n. 1/2018;

    7) Iadicicco M.P., Rappresentanza politica e funzione di governo: brevi note sulle trasformazioni del sistema delle fonti, in Democrazia e diritto, 2017 ;

    8) Picaro R., Le fragili fondamenta del divieto di surrogazione di maternità nel contesto globale non armonizzato, in Rivista di diritto civile, 2017;

    9) Picaro R., La responsabilità civile sanitaria. Un percorso accidentato, in Rivista di diritto dell’impresa, 2017;

    10) Picaro R., Le famiglie e la loro regolazione, in Rassegna di diritto civile, 2017;

    11) Antonini-Cochin L., Procreazione medicalmente assistita e filiazione nel diritto francese, in L. Chieffi (a cura di), Tecniche procreative e nuovi modelli di genitorialità, Milano-Udine, 2018;

    12) Courtin C., La gestazione per altri e il diritto penale in Francia, in L. Chieffi (a cura di), Tecniche procreative e nuovi modelli di genitorialità, Milano-Udine, 2018;

    13) Bossio Grigera P., La reproduccion humana asistida en Argentina. Un análisis sociosanitario jurídico desde una mirada bioética, in L. Chieffi (a cura di), Tecniche procreative e nuovi modelli di genitorialità, Milano-Udine, 2018;

    14) Belén Andreu Martínez M., Ramón Salcedo Hernández J.,   Autonomía del paciente mayor, vulnerabilidad y e-salud, Ed. Tirant lo Blanch, 2018.

    Categorie ISI WEB:

    Ethics; Law; Family Studies; Social Issues.

    Categorie ERC:

    SH2_4 Legal studies, Constitutions, Human Rights, Comparative Law.

    SSD di riferimento:

    IUS/01; IUS/08; IUS/09; IUS/21

     

     

     

    C.L.E.M.A.S.Circuito Locale Elettronico Multimediale Area Sud

    Quarta generazione di moneta e concorrenza tra circuiti monetari: effetti sulle economie locali

     

    COORDINATORE

    Prof. Massimo Rubino De Ritis

    PARTECIPANTI

    Mario Campobasso

    Salvatore D’acunto

    Maria Eugenia Bartoloni

    Nicola de Luca

    Francesco Schettino

    Emanuela Fusco

    Maria Consiglia di Martino

    S.S.D.   IUS/04 – IUS/14 – SECS/P01

    DESCRIZIONE DELLA RICERCA

    Il gruppo di ricerca, in considerazione della novità del tema oggetto di studio, ha deciso di intraprendere un percorso di indagine di grande interesse per i risvolti applicativi dei risultati che si possono ottenere, coinvolgendo le discipline di diritto commerciale, diritto comunitario ed economia politica.

    Il progetto di ricerca ha per oggetto il rilancio economico di aree dell’Italia meridionale attraverso un circuito elettronico di compensazione multilaterale locale per lo scambio di beni e servizi.

    L’indagine prenderà le mosse dall’analisi di alcuni studi editi sulla moneta complementare, intesa quale mezzo di scambio diverso dal danaro (valuta nazionale o estera); nonché di alcuni sistemi economici che (ad oggi) all’estero hanno già implementato con successo monete locali o circuiti compensativi; si concentrerà, poi, sui punti di forza dei sistemi già presenti e – con approfondimenti critici della letteratura edita – finirà con l’estendere l’impiego dello strumento di compensazione multilaterale locale per lo scambio di beni e servizi al mezzogiorno d’Italia, individuando specifiche aree territoriali.

    L’obiettivo finale è quello di realizzare modelli convenzionali che risolvano anche problemi causati da eventuali controversie tra aderenti al sistema e riducano i rischi di insolvenze.

    Si sottolinea, infine, che tutti i componenti del gruppo di ricerca hanno partecipato al progetto di ricerca interdipartimentale su questo tema nell’ambito del programma Valere 2019; nonché ad una manifestazione divulgativa sul tema dell’utilizzo consapevole delle valute virtuali e della tecnologia blockchain (Futuro Remoto 2018 – Rigenerazione di moneta).

    PRODOTTI DI RICERCA

    In considerazione della novità del tema, sono attualmente in corso degli studi che porteranno a pubblicazioni di fascia A.

    Ad oggi, le principali indagini dei partecipanti al gruppo sul tema sono le seguenti:

    1. Bartoloni Maria Eugenia, La cooperazione allo sviluppo dell’Unione europea con Paesi terzi: da politica finalizzata alla lotta alla povertà a cooperazione globale?, in Diritti umani e diritto internazionale, vol. 10, 2014, 663-669, ISSN: 1971-7105.
    2. Bartoloni Maria Eugenia, Competenze puramente statali e diritto dell’Unione europea, in Il Diritto dell’Unione europea, vol. 2/15, 2015, pp. 339-366, ISSN: 1125-8551.
    3. Campobasso Gian Franco, Manuale di diritto commerciale7, a cura di Mario Campobasso, Torino, Utet, 2017.
    4. D’Acunto Salvatore, Tax credit certificates: uno strumento di contrasto agli squilibri macroeconomici nell’eurozona?, in SIDIBlog, 7 luglio 2016.
    5. de Luca Nicola, Crowdfunding e quote “dematerializzate”di s.r.l.? Prime considerazioni, in Le Nuove Leggi Civili Commentate, 2016, 1 ss.
    6. de Luca Nicola, Conferimenti e creazione di valore. I conferimenti d’opera e di servizi nelle società di capitali, in Rivista delle società, 2014, 723-746.
    7. Rubino De Ritis Massimo, Commento agli artt. 2549-2554 c.c., Delle associazioni in partecipazione, a cura di D. Santosuosso, in Delle società. Dell’azienda. Della concorrenza. Commentario del codice civile, Torino, Utet, 2014.
    8. Rubino De Ritis Massimo, Obbligazioni pecuniarie in criptomonete, in giustiziacivile.com, 2018.
    9. Rubino De Ritis Massimo, Bitcoin: una moneta senza frontiere e senza padrone? Il recente intervento del legislatore italiano, in giustiziacivile.com, editoriale del 20 marzo 2018.
    10. Rubino De Ritis Massimo, Obbligazioni pecuniarie in criptomonete, in giustiziacivile.com, 2018.
    11. Rubino De Ritis Massimo, La sostenibile leggerezza della moneta virtuale, in giustiziacivile.com, 2018.
    12. Rubino De Ritis Massimo, La moneta digitale complementare: modelli convenzionali di adempimento in criptomonete e prospettive per il Sud, in AA.VV., Fintech (a cura di F. Fimmanò e G. Falcone), Collana Regole e Mercati, Napoli, 2019, p. 529 ss.
    13. Rubino De Ritis Massimo, Virtuale, la quarta generazione di moneta, in Rivista del Notariato, 2019, in corso di pubblicazione.
    14. Rubino De Ritis Massimo, Apporti di criptomonete in società, in giustiziacivile.com, 2019.
    15. F. Clementi - F. Schettino, Declining inequality in Brazil in the 2000s: What is hidden behind?, in Journal Of International Development (‘CLASS A’ Review), vol. 27(7), 2015.
    16. F. Clementi - A. L. Dabalen - V. Molini - F. Schettino, When the centre cannot hold: Patterns of polarization in Nigeria, in Review Of Income And Wealth (‘CLASS A’ Review), vol. 63(4), 2016.
    17. M. Rota - F. Schettino - L. Spinesi, Key inventors, teams and firms performance: The case of italian firms, in Structural Change and Economic Dynamics (‘CLASS A’ Review), vol. 42C, pp. 13–25, 2017.
    18. F. Clementi - V. Molini - F. Schettino, All that glitters is not gold: polarization amid poverty reduction in Ghana, in World Development (‘CLASS A’ Review), vol. 102, 2017.

     

    - DENOMINAZIONE DEL GRUPPO: Law and cinema (Diritto e cinema)

    - RESPONSABILE: Maria Chiara Vitucci

    - PARTECIPANTI[1]: Fabrizio Amatucci (dal 4 settembre 2017 Università degli Studi di Napoli Federico II), Antonella Argenio, Maria Eugenia Bartoloni, Teresa Bene, Roberta Catalano, Anna Rita Ciarcia, Fulvio Corso, Salvatore D’Acunto, Filomena D’Alto, Claudio De Fiores, Andreana Esposito, Alessia Fachechi, Fernando Flores (Università di Valencia, Spagna), Maria Pia Iadicicco, Carlo Lanza, Luciano Minieri, Valeria Nuzzo, Osvaldo Sacchi, Marianna Pignata, Adriana Salvati, Luigi Valentino, Carlo Venditti, Maria Chiara Vitucci.

    - PRODOTTI DI RICERCA:

    1. M.C. VITUCCI, La guerra dietro casa. Lo sguardo del cinema sulla Jugoslavia in fiamme, 2017
    2. A. SALVATI, Timema e thanatos. Tasse e morte, 2017
    3. S. D’ACUNTO, V. NUZZO, Fotogrammi dal dominio della lotta. L’occhio del cinema sulla società neoliberista, 2017
    4. A.R. CIARCIA, Il cinema e le tasse, 2017
    5. F. D’ALTO, M. PIGNATA, Le forme della legge e le forme dell’arte. La famiglia italiana nel racconto cinematografico, 2017
    6. F. AMATUCCI, A.R. CIARCIA, Il cinema come evasione ... fiscale, 2017
    7. M.E. BARTOLONI, L. VALENTINO, Il fenomeno migratorio fra immagini e norme, 2017
    8. R. CATALANO, C. VENDITTI, Questioni di biodiritto nella filmografia cyberpunk, 2017
    9. M.P. IADICICCO, La procreazione medicalmente assistita al cinema, 2017
    10. C. LANZA, L. MINIERI, + nemici del popolo, 2017
    11. O. SACCHI, Lo Scudo riflettente di Perseo. Archetipi del giuridico nel cinema contemporaneo, 2017
    12. A. ARGENIO, I film del nazismo: Süss, L’ebreo errante, Terezin, 2017
    13. T. BENE, G. SPANGHER, Un processo americano: il caso Thomas Crawford, 2017
    14. F. CORSO, Totò, il lavoro e … la legge, 2017
    15. C. DE FIORES, Il fragile scudo della Costituzione. L’occhio del cinema sulla violazione dei diritti al tempo del maccartismo, 2017
    16. A. ESPOSITO, Dal nero all’arancio: anatomia penitenziaria di una serie TV, 2017
    17. A. FACHECHI, Storie di facili consumi, 2017
    18. F. FLORES, Le mani sulla città. Il capitalismo: la democracia in ostaggio, 2018

    - DESCRIZIONE DEL PROGETTO:

    L’indirizzo di ricerca Law and Literature di cui qui proponiamo una specificazione è diventato un campo di indagine molto ampio e percorso dalla dottrina. La corrente di studi iniziata negli Stati Uniti all’inizio del secolo scorso si è fusa, nel vecchio continente, con l’approccio di critica al formalismo giuridico per subire ulteriori trasformazioni. L’interesse italiano per questo campo è dimostrato dall’esistenza di ben due associazioni scientifiche: l’Italian Society for Law and Literature (ISSL-SIDL), nata a Bologna nel 2008 e l’Associazione italiana diritto e letteratura (AIDEL), attiva a Verona e Torino.

    Pur provenendo da e rappresentando una costola della corrente Law and Literature, l’indirizzo di ricerca Law and Cinema presenta diverse specificità. La diffusione, la circostanza che il cinema rappresenti uno spettacolo che si guarda tutti insieme, il ruolo della produzione fanno sì che un film – così come un processo – siano pratiche sociali di natura pubblica. Il cinema condivide con il diritto la forte connotazione performativa, forgia la coscienza sociale ed è per questo che la censura si è spesso scagliata contro di esso.

    Nel progetto di ricerca si indagheranno diversi aspetti del rapporto tra diritto e cinema. Da un lato si utilizzerà il cinema alla stregua della prassi, per esplorare il diritto. Ma al tempo stesso si useranno schemi giuridici per analizzare contesti descritti dai film.

     

    [1] Ove non diversamente specificato, i partecipanti appartengono al Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università della Campania Luigi Vanvitelli

    -Research-act group on legality and ethics in public action and in the companies ‘activity. (Gruppo di ricerca azione sulla legalità e l’etica nell’azione pubblica e nell’attività di impresa).

    Coordinatori: Antonio Pagliano

    Componenti: Antonio Pagliano, Alberto de Chiara, Ambrogio de Siano, Andreana Esposito

    Area Scientifico-disciplinare di interesse: IUS 16 - Diritto Processuale Penale; Ius 17 - Diritto penale; Ius 13 Diritto amministrativo.

    Settori ERC: SH2_1, SH2_7, SH2_9

    Descrizione della ricerca.

    L’idea del progetto G.R.A.L.E. nasce dalla volontà di fornire un idoneo supporto teorico e di ricerca scientifica alle imprese e alle Pubbliche amministrazione, in risposta al loro bisogno di conoscere i risultati della propria azione per poterla migliorare, in una prospettiva di crescente attenzione alla legalità e all’etica dell’agire di impresa e dell’azione pubblica. In particolare, ci si propone da un lato di confrontarsi con talune questioni di natura sostanziale e processuale che possono coinvolgere le PP.AA e le impresi operanti in particolare in contesti ad alta densità di criminalità quelli quelli in cui opera la SUN; e dall’alto,  di approfondire le problematiche giuridiche derivanti dalla entrata in vigore della l. 231/01 e della l 190/12., approfondendo tra gli altri i temi dell’organizzazione e dell’attività amministrativa, avuto riguardo alla normazione, al decentramento, alla semplificazione, alle forme associative e di collaborazione tra enti, alle forme di gestione dei servizi pubblici, al partenariato pubblico-privato, al governo del territorio. In quest’ottica la creazione di un gruppo di ricerca azione si pone l’obiettivo – da raggiungere operando con le imprese e le P.A. – di studiare la situazione normativa e le sue ricadute pratiche con lo scopo di migliorare la qualità delle loro azioni dall’interno. In altre parole, essa mira a introdurre una valutazione pratica in situazioni concrete; la validità delle "teorie" o ipotesi, frutto dell’attività di studio e di ricerca, sarà testata non tanto, e non solo, in base a verifiche "scientifiche", quanto in riferimento alla loro utilità nell'individuazione ed attuazione di “buone prassi” in una corretta strategia preventiva. Il risultato quindi dell’attività di ricerca non vuole essere convalidata indipendentemente e poi applicata alla pratica. Al contrario, la stessa sarà convalidata attraverso la pratica. Da ciò, il necessario continuo e reciproco trasferimento delle conoscenze acquisite dai ricercatori agli operatori pubblici e privati. L’attività di ricerca dovrà quindi necessariamente svilupparsi in più passaggi distinti, con un sicuro momento di incontro “sul terreno” dei partecipanti (imprese ed enti pubblici), momento essenziale non solo sul piano metodologico, ma anche ai fini dell’assimilazione delle acquisizioni della ricerca all’interno delle strutture esterne di appartenenza. A tal fine, l’attività del G.R.A.L.E. si pone come ponte di dialogo con le imprese private e con le Pubbliche amministrazioni operanti sul territorio. La scelta di una ricerca azione, il cui “prodotto scientifico” è destinato ad essere trasferito nei settori di competenza proprio attraverso l’istituzione di uno Spin – off, è motivata dalla esigenza di impegnare direttamente gli operatori/destinatari della complessa normativa, rimettendo a soggetti esterni (ricercatori) solo la supervisione metodologica e la specifica expertise nel campo normativo individuato. In altri termini, non si ritiene – in una prospettiva di efficace utilizzo dei risultati della ricerca – che ai ricercatori possa essere attribuita l’integrale responsabilità dell’impostazione e della realizzazione della ricerca, forte essendo, al contrario, l’esigenza di una diretta partecipazione dei soggetti destinatari delle previsioni ordinamentali. E infatti, per un verso, è necessario comprendere quante siano le persone giuridiche che investono sulla prevenzione dei reati e quali sia il contenuto dei Modelli adottati. D’altra parte, occorre confrontarsi con le difficoltà derivanti dall’adempimento degli obblighi di cui alla l. 190/12 da parte dei singoli Responsabili della prevenzione della corruzione.

     

    Produzione dei componenti:

    1. de Chiara: L'attuazione della disciplina in materia di anticorruzione e trasparenza da parte delle società in controllo pubblico, (curatela), 2018.
    1. de Siano

    - Spunti di riflessione sul concetto di efficienza riferito all’attività amministrativa, in Diritto e processo amministrativo, n. 2, 2017 (fascia A);

    - In cammino tra aspettative e diritti. Fenomenologia dei flussi migratori e condizione giuridica dello straniero, volume curato insieme a S. D’Acunto e V. Nuzzo, ESI, Napoli, 2017;

    - Della condizione giuridica dello straniero extracomunitario: riflessioni sulla ragionevolezza del cd. automatismo espulsivo, in In cammino tra aspettative e diritti. Fenomenologia dei flussi migratori e condizione giuridica dello straniero, a cura di S. D’Acunto e V. Nuzzo, ESI, Napoli, 2017, pp. 267 ss.;

    - Gli elementi essenziali dell’atto amministrativo. Contributo per una ridefinizione teorica della loro identificazione, ESI, 2018.

    - Precedente giudiziario e decisioni della P.A., in Quaderni di Diritto e processo amministrativo, ESI, 2018;

    - Il principio di diritto espresso dall’Adunanza plenaria quale norma giuridica, in Giur. It., n. 7, 2018 (fascia A);

    - Decisioni della P.A. e vincolo del precedente giudiziario, in AA.VV., Decisioni amministrative e processi deliberativi. Annuario 2017 dell’Associazione italiana dei professori di diritto amministrativo, Editoriale scientifica, 2018, 197 ss.

    1. Esposito  

    Sulla prevenzione mediante organizzazione nell'ambito delle società controllate: la determinazione n. 1134 del 2017 dell'A.N.A.C. in L'attuazione della disciplina in materia di anticorruzione e trasparenza da parte delle società in controllo pubblico, Alberto de Chiara - Andrena Esposito - Antonio Pagliano  (a cura di), 2018, pp.38 e ss.

    Il divenire dei giudici tra diritto convenzionale e diritto nazionale, in Archivio penale (rivista di fascia A), 2018, pp. 1- 51.

    Presidi preventivi in forma partecipata. I protocolli partecipati di legalità, in Gazzetta Forense, 2018, pp. 658 e ss.

    Le forme di contrasto alla criminalità imprenditoriale: le preclusioni a contrarre. Profili di criticità alla luce della Convenzione europea dei diritti umani, in Istituzioni e Imprese, 2012, vol. 2, pp. 30-45

    1. Pagliano

    Brevi considerazioni conclusive sul contrasto alla corruzione tra prevenzione e repressione, in L'attuazione della disciplina in materia di anticorruzione e trasparenza da parte delle società in controllo pubblico,  Alberto de Chiara - Andrena Esposito - Antonio Pagliano  (a cura di), 2018, pp. 169 e ss.

    Gli effetti della giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo. Una ricostruzione sistematica.  Universitas Studiorum, 2018.

    Il rapporto fra Scienza e Diritto nel processo penale: storia di un amore incompreso, in Criminalistica e scienze forensi, Indagini Criminalistiche e Professioni Forensi nel Processo Penale, 2014 p. 9-20.

    The territorial egoism and the fundamental rights (L’egoismo territoriale e i diritti fondamentali).

    COORDINATORE

    Proff.ri: Andrea Patroni Griffi e Luigi Ferraro

    PARTECIPANTI

    Proff.ri: Andrea Patroni Griffi, Luigi Ferraro, Francisco Balaguer Callejón (Università di Granada), Roberto L. Blanco Valdés (Università di Santiago di Compostela), Vasco Pereira Da Silva (Università di Lisbona), Ángel Rodríguez (Università di Malaga), Carlo Iannello, Giovanna Petrillo, Gianpiero Coletta e Valentina Faggiani (Università di Granada).

    DESCRIZIONE DELLA RICERCA

    In quest’ultimo periodo gli egoismi territoriali stanno mettendo a dura prova la tutela dei diritti fondamentali. È il caso degli immigrati i cui diritti umani si stanno contrapponendo alle esigenze di sicurezza dei Paesi dell’Unione europea. Gli artt. 18 e 19 della Carta di Nizza relativi al diritto d’asilo e al divieto di espulsioni collettive, oltre che di allontanamento, espulsione o estradizione verso Stati in cui esiste il rischio di essere sottoposti a pena di morte, tortura o altre pene o trattamenti inumani o degradanti, obbligano ad interrogarci come studiosi rispetto a quanto sta accadendo nel mare Mediterraneo con i naufragi di molti profughi e con gli egoismi nazionali dei Paesi UE nel rifiutare l’accoglienza di quote di immigrati. Altre manifestazioni di egoismi territoriali stanno riguardando ancora il territorio italiano, dal momento che talune regioni – tra le più ricche – hanno attivato il procedimento di cui all’art. 116, 3° co., Cost., che permette di assegnare alla regione richiedente nuove competenze. Poiché tali rinnovati livelli di autonomia dipendono anche dalla capacità contributiva dei territori interessati, ciò evidenzia il pericolo per i cittadini di un diverso godimento dei diritti sociali, tra cui ad esempio il diritto alla salute, in ragione della loro appartenenza territoriale, con grave danno per il principio di eguaglianza. Il gruppo di ricerca avrà un respiro internazionale con la presenza di studiosi stranieri, che faranno riferimento alle proprie esperienze territoriali, e si coordinerà con il Centro Interuniversitario di Ricerca Bioetica poiché molti suoi componenti sono anche membri di tale istituzione. Si tenga conto, infine, che la ricerca approfondisce tematiche che il gruppo di lavoro ha già affrontato, come comprovato da precedenti progetti di ricerca, da seminari internazionali organizzati sul tema e da pubblicazioni su riviste di Fascia A.

    PRODOTTI DI RICERCA

    1) Patroni Griffi A., Ragioni e radici dell’Europa sociale: frammenti di un discorso sui rischi del futuro dell’Unione, in federalismi.it, 14 settembre 2018;

    2) Patroni Griffi A., Le migrazioni e l’Unione Europea: considerazioni di scenario e alcune proposte, in Rassegna di diritto pubblico europeo, n. 1/2018;

    3) Patroni Griffi A., Europa e migrazioni: le sfide per il futuro dell'Unione, in Rassegna di diritto pubblico europeo, n. 1/2018;

    4) Blanco Valdés R.L., Ferraro L., Estados compuestos: algunas reflexiones sobre su naturaleza, diversidad interna y dinámica de funcionamiento, in Rassegna di diritto pubblico europeo, n. 2/2018;

    5) Ferraro L., Un nuovo governo autonomico e la fine della coercizione statale in Cataluña: un consuntivo sull’art. 155 della Costituzione spagnola, in federalismi.it, 2018;

    6) Balaguer Callejón F., Il contenuto essenziale dei diritti costituzionali e il regime giuridico dell’immigrazione in Spagna, in Rassegna di diritto pubblico europeo, n. 1/2018;

    7) Pereira Da Silva V., Les Migrations et la crise du droit constitutionnel en Europe et au Portugal, in Rassegna di diritto pubblico europeo, n. 1/2018;

    8) Rodríguez Á., Moving towards independence breaching the law: self-determination and secession in Catalonia, in Rassegna di diritto pubblico europeo, n. 2/2018;

    9) Iannello C., Asimmetria regionale e rottura dell’unità nazionale, in Rassegna di diritto pubblico europeo, n. 2/2018;

    10) Petrillo G., Il Regionalismo differenziato: note sul piano finanziario, in Rassegna di diritto pubblico europeo, n. 2/2018;

    11) Coletta G., Gli immigrati di seconda generazione e lo status civitatis, in Rassegna di diritto pubblico europeo, n. 1/2018;

    12) Faggiani V., Lo statuto del rifugiato nell’ordinamento spagnolo, in Rassegna di diritto pubblico europeo, n. 1/2018.

    Categorie ISI WEB:

    Ethics; Law; Political Science.

    Categorie ERC:

    SH2_4 Legal studies, Constitutions, Human Rights, Comparative Law.

    SSD di riferimento:

    IUS/08; IUS/09; IUS/21

    - Economic Migration (Le migrazioni economiche).

    RESPONSABILE: Valeria Nuzzo

    PARTECIPANTI del Dipartimento di Giurtisprudenza: Salvatore D’ACUNTO, Francesco SCHETTINO, Antonio Maria MARZOCCO; Luciano MINIERI; Giuliano BALBI; Carlo LANZA; Stefano MANACORDA; Antonio FUCCILLO; Lucia DI COSTANZO; Andrea PATRONI GRIFFI; Andrea SACCUCCI; Livia SAPORITO; Maria Chiara VITUCCI; Raffaele AVETA; Alberto DE CHIARA; Ambrogio DE SIANO; Carmela DI CARLUCCIO; Andreana ESPOSITO; Maria Pia IADICICCO; Giovanni MARTINI; Antonio PAGLIANO; Osvaldo SACCHI; Raffaele SANTORO; Francesco SCHETTINO; Maria Eugenia BARTOLONI; Luigi VALENTINO; Stefano MANACORDA.

    PRODOTTI DELLA RICERCA:

    In corso di pubblicazione è il volume In cammino tra aspettative e diritti. Fenomenologia dei flussi migratori e condizione giuridica dello straniero, a cura di Salvatore D’Acunto, Ambrogio De Siano e Valeria Nuzzo, che raccoglie parte dei risultati della ricerca. In particolare si segnalano i contributi di:

    Maurizio CASERTA - Aldo PREMOLI, Domanda e offerta di integrazione: alla ricerca di un equilibrio

    Salvatore D’ACUNTO - Francesco SCHETTINO, Per qualche dollaro in più? Una verifica empirica della teoria del migrante razionale

    Osvaldo SACCHI, Dal ver sacrum a Lampedusa: qualche riflessione sull’uomo migrante come fenomeno “sistemico” in chiave economica e storico-giuridica

    Giuseppe Antonio DI MARCO, L’analisi della legge capitalistica della popolazione in Karl Marx e il “governo” dei flussi migratori

    Giovanni Carlo BRUNO, Il principio di solidarietà nelle politiche dell’Unione Europea sui flussi migratori: un rilancio necessario?

    Emanuele ROSSI - Francesca BIONDI DAL MONTE, La Costituzione come fonte e condizione per l’’integrazione dei migranti

    Angelo GOLIA, Costituzioni, confini giuridici e attraversamenti. Brevi riflessioni sulle politiche per l’immigrazione in una prospettiva di pluralismo giuridico

    Marco MAZZAMUTO, Il civis temporarius e il diritto amministrativo nell’ordinamento multilivello

    Vito PINTO, Migrazioni economiche e rapporti di lavoro. Alcuni spunti di riflessione

    Ambrogio DE SIANO, Della condizione giuridica dello straniero: riflessioni sulla ragionevolezza del cd. “automatismo espulsivo”

    Giovanni MARTINI, La tutela collettiva dei migranti: una possibile interpretazione evolutiva dell’azione per l’efficienza delle PP.AA.

    Francesco ROTA, La condizione giuridica dei migranti in Italia tra prospettiva costituzionale, legislazione ordinaria e misure amministrative.

    Carmen DI CARLUCCIO, Migranti e sicurezza sul lavoro: le ragioni della rischiosità infortunistica e gli strumenti di prevenzione

    Nicoletta DE ANGELIS, Il lavoro irregolare dei braccianti immigrati. Profili critici e azioni di contrasto

    Paolo STEFANÌ, Migrazioni e religioni: identità religiosa e integrazione della differenza nel governo del fenomeno migratorio

    Livia SAPORITO, Flussi migratori, ricongiungimento familiare e poligamia: identità v. differenza

    Valeria NUZZO, Verso una società multiculturale. Gli inediti conflitti tra la libertà di vestirsi secondo la propria fede e l’interesse datoriale al profitto

    Raffaele SANTORO, Fenomeno migratorio, processi di integrazione e autonomie locali

    Francesco SORVILLO - Ludovica DECIMO, Fedeli che migrano: il volto interculturale degli esodi contemporanei

    Gennaro FUSCO, Chiesa italiana e fenomeno delle migrazioni

    DESCRIZIONE DEL PROGETTO:

    La ricerca, finanziata dall’Ateneo sul fondo premialità, ha visto un gruppo di studiosi del Dipartimento approfondire, in chiave interdisciplinare, un tema di forte attualità, quello del governo dei flussi migratori.

    Un momento chiave della ricerca è stato il convegno che si è svolto il 10 novembre 2016 che ha permesso di arricchire, grazie al confronto con studiosi di altri Atenei, le riflessioni sul fenomeno migratorio.

    Una delle idee fondanti la ricerca è che la natura dei processi che sono all’origine dei fenomeni sociali può essere assai rilevante ai fini della capacità di regolazione degli stessi da parte degli ordinamenti. È quindi riduttivo ragionare sulla regolazione del fenomeno migratorio partendo dalla mera constatazione del loro arrivo sulle nostre coste. Quando scendono dai barconi, i migranti hanno alle spalle una storia complessa, fatta di aspirazioni variegate che si sono a quel punto già variamente intersecate e confrontate con la realtà del diritto. Attraversare le frontiere del loro paese di provenienza e poi quelle del paese di arrivo ne ha già modificato più volte lo status, da cittadino a migrante e poi a “straniero”, e ne ha consolidato le aspettative, a volte addirittura “giuridificandole”.

    La risposta normativa al fenomeno non può pertanto essere disegnata prescindendo del tutto da quella storia e dal patrimonio di aspettative e di diritti che ne sono il risultato.

    La ricerca, quindi, si è concentrata (e si concentra) lungo tre linee di indagine.

    Prima di tutto l’esame e la discussione critica di alcuni modelli interpretativi con cui le scienze sociali stanno provando a ricostruire la fenomenologia delle migrazioni, a render conto delle sue dimensioni e delle sue direttrici geografiche. L’idea è di attrezzare uno “spazio di discussione” che fornisca al lettore un prisma di riflessioni in grado di gettare luce sull’intreccio dei fattori che è alla radice della decisione di migrare. Esigenza tanto più sentita in quanto la percezione collettiva del fenomeno, e spesso anche la progettazione delle relative politiche, sembrano fortemente condizionate dalla rappresentazione mediatica, per sua natura tendente all’enfatizzazione spettacolaristica e quindi inevitabilmente declinata per “luoghi comuni”: ad esempio, la presunta anomalia dell’ordine di grandezza che il fenomeno avrebbe assunto nell’ultimo ventennio; ad esempio, l’interpretazione dei flussi migratori verso l’Europa come mero fenomeno “emergenziale”, alimentato fondamentalmente dall’instabilità politica nel bacino del Mediterraneo e del continente africano; ancora, la direttrice sostanzialmente “eurocentrica” dei flussi.

    In secondo luogo, la Ricerca si propone, attraverso il contributo di studiosi di diverse discipline, l’analisi del dato normativo (internazionale, europeo e italiano) e della relativa elaborazione giurisprudenziale, per verificare se esistono sufficienti condizioni giuridiche affinché i migranti possano realizzare l’aspirazione a migliorare la propria esistenza. Tale comprensibile (e del tutto legittima) aspirazione è sembrata trovare un tutt’altro che inadeguato “supporto” nello spazio giuridico sovranazionale, nel quale esiste un sistema di protezione dell’individuo in cui la cittadinanza è sostanzialmente priva di rilievo, venendo viceversa valorizzato il profilo umanitario. E, però, lo scenario pare (drasticamente) cambiare allorquando il migrante varca la frontiera dello Stato che lo ‘riceve’, dietro la quale le sue aspettative vengono giuridicizzate in modo (semmai conforme con il diritto sovranazionale, ma) spesso non sufficiente a permettergli di conseguire quella stabilità cui aspira. A ben vedere, nello spazio giuridico statale, e in particolare nel modello italiano, il tono delle aspettative di chi lascia il proprio Paese per realizzarsi altrove scolorisce (talvolta drammaticamente) in quello della realtà giuridica, osservando la quale è agevole cogliere quanto lo status dello straniero sia ‘organizzato’ (soprattutto) intorno alle ragioni dell’ordine pubblico, il prevalere delle quali ha comportato di fatto la stabilizzazione di un circuito privilegiato in favore dei cittadini.

    In terzo luogo, infine, la ricerca si concentra sulle tematiche del multiculturalismo, in quanto è indubbio che l’immigrazione stia producendo una modifica strutturale della composizione delle società europee, in cui confluiscono diverse culture, etnie e religioni, e in cui inevitabilmente emergono questioni “nuove” relative al rispetto delle differenti identità. Ci si vuole cioè interrogare sull’adeguatezza della normativa nazionale ed europea a coprire le possibili e variegate situazioni in cui il bisogno identitario si manifesterà e necessiterà di una tutela giuridica, e in particolare, sull’effettività di fondamentali principi costituzionali, come quello di eguaglianza, di libertà di pensiero, di libertà di manifestare una religione “diversa”, caratterizzata da simboli e usanze quantomeno inediti nel nostro Paese fino a pochi anni fa.

     

    -The new criminal procedure between legislative choices and European warnings

    La riforma del processo penale tra scelte legislative e moniti europei 

    COORDINATORE

    Prof. ssa Teresa Bene

    PARTECIPANTI

    Proff. Mariano Menna; Alberto Virgilio

    Dott.ssa Teresa Alesci

    Dott.ssa Rosa Gaia Grassia

    DESCRIZIONE DELLA RICERCA

     Il Gruppo di ricerca focalizza la sua attività di studio e di ricerca sulla nuova fisionomia del processo penale italiano, alla luce della recente riforma Orlando, operata con la legge n. 103 del 2017.

    L’esigenza di intervenire organicamente sul sistema processuale si giustifica con la volontà di assicurare una tendenziale durata ragionevole del processo, favorire le scelte volontarie e consensuali delle parti sulla vicenda processuale, nonché rafforzare il cd doppio binario.

    In questo contesto si inserisce, altresì, la riorganizzazione del sistema delle impugnazioni, costruito su un doppio livello normativo, l’uno immediato, per effetto del medesimo testo legislativo, l’altro mediato con una delega.

    Il Gruppo è attivo dal 2017; ciascuno dei componenti mostra un particolare interesse per tali profili di novità, come risulta dai prodotti scientifici che si indicano.

    L’evoluzione del processo penale, inoltre, risente altresì dell’influenza delle fonti sovranazionali. In particolare, da un lato si pone la necessità di adeguare il sistema processuale interno alla legislazione europea, che con direttive e regolamenti, spinge sempre più ad una armonizzazione fra Stati, funzionale ad una maggiore facilità nella circolazione dei provvedimenti giurisdizionali, dall’altra la giurisprudenza della Corte edu conforma il processo agli standard del giusto processo, di cui all’art. 6 Cedu.

    In tale prospettiva, il Gruppo ha già svolto attività di ricerca nell’ambito di un Accordo di cooperazione internazionale tra tre Università italiane e tre Università Spagnole.

    PRODOTTI DI RICERCA

    I risultati della ricerca verranno pubblicati.

    Ad oggi, le principali pubblicazioni sul tema sono le seguenti:

    ·         Bene, Direttive europee in tema di reciproco riconoscimento, in Il libro dell’anno 2017, Treccani, 683- 690

    ·         Bene,  La aplicaciòn de la Directiva 2013/48/UE y las consecuencias sobre el tema de la orden de la detenciòn europea, in La cooperaciòn judicial entre Espana e Italia. La orden europea de detenciòn y entrega en la ejecuciòn de sentencias penales, coord. da Burgos Ladròn de Guevara, Instituto Vasco de Derecho procesal, 2017, 145-151

    ·         Bene, L’esecuzione del sequestro preventivo e l’amministrazione dei beni sequestrati, in Sequestro e confisca, a cura di M. Montagna, Torino, 2017, 259- 274

    ·         Bene - Spangher,, Un processo americano. Il caso Thomas Crawford, Napoli, 2017

    ·         Bene, Diritti ed interessi coinvolti nella riforma delle intercettazioni, in Ius online, 2017, 3, 332- 354

    ·         Bene, Commento sub art. 415 bis c.p.p., in Commentario del codice di procedura penale, a cura di Giarda e Spangher, Milano, 2017

    ·         Bene, Commento sub art. 453 ss. c.p.p., in Commentario del codice di procedura penale, a cura di Giarda e Spangher, Milano, 2017

    ·         Bene, La legge delega per la riforma delle intercettazioni, in La riforma della giustizia penale Commento alla legge 23 giugno 2017, n. 103, a cura di Scalfati, 2017, 289- 306

    ·         Bene, La effettività della funzione del pubblico ministero di direzione delle indagini e la legalità processuale, in Proc. pen. giustizia, 2018, 1, 7 -17

    ·         Bene, Dallo spossessamento gestorio agli obiettivi di stabilità macroeconomica, in Arch. pen., 2018, spec. Riforme

    ·         Bene, La riforma parziale ( e il gorilla invisibile), in Bene T. ( a cura di), L’intercettazione di comunicazioni, Bari, 2018, 15- 23

    ·         Bene, El model procesal italiano y la fiscalia europea, in Revista vasca de Derecho procesal y Arbistraye,2018, 3, 447- 455

    ·         (curatela) La riforma della giustizia penale. Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e all'ordinamento penitenziario, con A. Marandola, Milano, 2017

    ·         (curatela) L’intercettazione di comunicazioni, Bari, 2018

    ·         Menna, La “giuria elettiva di esperti” nel processo penale, Torino, 2017

    ·         Menna, Intervento, Ordine europeo di indagine, politica e giurisdizione, in Investigazioni e prove transnazionali, Atti del convegno organizzato dall’Associazione tra gli studiosi del processo penale Roma 20-21 ottobre 2016, Milano, 2017, 289 ss.

    ·         Alesci, El reconocimiento mutuo de las resoluciones judiciales en absentia, in La cooperaciòn judicial entre Espana Y Italia. La Orden Europea de Detención y Entrega en la Ejecución de Sentencias Penales, Instituto Vasco de Derecho procesal, 2017, 97- 106

    ·         Alesci,  La nuova fisionomia del giudizio abbreviato tra normativizzazione del dato giurisprudenziale e le lacune interpretative, in Spangher ( a cura di), La Riforma Orlando. Modifiche al codice penale, codice di procedura penale e ordinamento penitenziario, Pisa, 2017, 181- 196

    ·          Alesci, I soggetti del processo penale; il patteggiamento, in Bene- Spangher ( a cura di), Un processo americano. Il caso Thomas Crawford, Editoriale scientifica, 2017, 25-35

    ·          Alesci, La modifica delle disposizioni di attuazione in tema di iscrizione della notizia nel registro, di informazione sull’azione penale, la riorganizzazione dell’ufficio del pm, in Bene- Marandola (a cura di), La riforma della giustizia penale. Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e all'ordinamento penitenziario, Giuffrè, 2017,

    ·         Alesci, Le criticità del rinnovato giudizio abbreviato; Il procedimento per decreto penale di condanna, in Spangher (a cura di), La riforma Orlando e i decreti attuativi, Pisa, 2018, 251 -261; 279- 284

    ·         Alesci, Le intercettazione inter praesentes, in Bene ( a cura di), Le intercettazioni di comunicazioni, Cacucci editore, 2018, 69 -84

    ·         Grassia , L’incapacità dell’imputato di partecipare al processo e l’elezione del domicilio presso il difensore d’ufficio: le novelle modifiche apportate alla disciplina codicistica (commi 21-24 L. N. 103/2017), in MARANDOLA A. - BENE T. (a cura di), La riforma della giustizia penale. Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e all’ordinamento penitenziario, Giuffrè editore, 2017;

    ·          GRASSIA , L’ascolto dei colloqui tra imputato e difensore, in BENE T. (a cura di), L’intercettazione di comunicazioni, Cacucci editore, 2018

    SSD di riferimento:IUS/16

    -The protection of the fundamental rights in modern intercultural society

    (La tutela dei diritti fondamentali nella moderna società interculturale)

    COORDINATORE

    Prof. Antonio FUCCILLO

    PARTECIPANTI

    Prof. Livia SAPORITO

    Prof. Lucia DI COSTANZO

    Prof. Marianna PIGNATA

    Prof. Raffaele SANTORO

    Prof. Francesco SORVILLO

    Prof. Raffaele AVETA

    DESCRIZIONE DELLA RICERCA

    Il progetto di ricerca prende spunto dalla consapevolezza che in una società complessa e multietnica quale è quella italiana di oggi, la riflessione sulla tematica dei diritti fondamentali assume un ruolo centrale.

    Tali diritti nel transito dal secondo al terzo millennio sono stati investiti da una profonda trasformazione culturale che ne autorizza l’analisi e la ricomposizione nel prisma di un’indagine giuridica di tipo multidisciplinare.

    Il progetto, ha come scopo quello di approfondire, anche in chiave storica e comparativa, le numerose sfaccettature nell’interpretazione e nell’attuazione dei diritti fondamentali con particolare riferimento ad alcuni di essi quali il diritto di libertà religiosa (art. 19 Cost.), il diritto di informazione e di stampa (art. 21 Cost.), il diritto di difesa in giudizio (art. 24 Cost.), il diritto al lavoro e all’iniziativa economica (artt. 1, 41, 43 Cost.), ma anche le libertà esercitate nell’ambito dei contesti familiari (art. 29 e 30 Cost.) e culturali (art. 9 Cost.).

    Proprio sotto quest’ultimo profilo vi è da rilevare l’influenza che valori e precetti religiosi esercitano sulle tradizioni giuridiche del mondo. Essi interagiscono con gli ordinamenti giuridici dando vita a un rapporto osmotico costantemente in atto che interessa non solo gli ordinamenti confessionali, ma anche i più evoluti sistemi laici occidentali.

    Ne consegue che la protezione dei diritti fondamentali non può ignorare il trattamento giuridico delle differenze religiose e culturali. Esse, infatti, sono richiamate nelle fonti comunitarie come eredità culturali, religiose e umanistiche dell'Europa, da cui si sono sviluppati i valori universali dei diritti inviolabili e inalienabili della persona, della libertà, della  democrazia, dell'uguaglianza e dello Stato di diritto confermando la loro coestensività ai principi della libertà, della democrazia e del rispetto dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali nonché dello Stato di diritto.

    Per concludere articolando ulteriormente il quadro proposto, il progetto di ricerca pone attenzione anche agli attori sociali quotidianamente coinvolti nel processo di revisione e attuazione dei diritti fondamentali. Tra questi spiccano gli operatori del diritto (avvocati, magistrati, notai) ai quali più di tutti è assegnato il compito di ammodernamento di sistemi ed istituti giuridici, anche sotto il profilo interculturale.

    PRODOTTI DI RICERCA

    1)

    Fuccillo A., Legal-economic Koinè and the Religious Nomopoiesis, in Calumet – Intercultural law and humanities review, Rivista telematica (www.calumet-review.it), aprile 2018. (Prodotto di fascia ‘A’)

    2)

    Fuccillo A., Law and religion as a strategy in favor of profitable cultural osmosis: a wide look to civil law systems, in Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 36/2018. (Prodotto di fascia ‘A’)

    Altri autori: F. Sorvillo, L. Decimo

    3)

    Fuccillo A., The courts and the code. Legal osmosis between religion and law in the cultural framework of civil law systems, in Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 28/2017. (Prodotto di fascia ‘A’)

    Altri autori: F. Sorvillo, L. Decimo

    4)

    Fuccillo A., Diritto Religioni Culture. La preparazione del giurista alle sfide della società contemporanea, in Calumet, Rivista telematica (www.calumet-review.it), 11 dicembre 2017, pp. 1-11. (Prodotto di fascia ‘A’)

    5)

    Saporito L., Sovranità processuale del beneficiario e variabilità delle situazioni di minorità: sull’obbligo della difesa tecnica nel procedimento per la nomina dell’amministratore di sostegno, in Comparazione e diritto civile, novembre 2018. (Prodotto di fascia ‘A’)

    6)

    Saporito L., La fatale attrazione tra diritto sacro e diritto secolare nel modello israeliano: la giurisdizione dei tribunali rabbinici in materia di matrimonio e divorzio, in Stato, Chiese e Pluralismo confessionale, Riv. Telematica, n. 9-2018. (Prodotto di fascia ‘A’)

    7)

    Di Costanzo L., The Harmonization Process and the Italian Legal Profession, in Annuario di Diritto Comparato e di Studi Legislativi, 2017, pp. 745-777. (Prodotto di fascia ‘A’)

    8)

    Santoro R., Delibazione delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale ed esercizio del diritto di difesa presso il Tribunale della Rota Romana: brevi riflessioni a margine dell’interpellanza parlamentare dell’on. Renato Brunetta, in Diritto e religioni, 1, 2017, pp. 637-641. (Prodotto di fascia ‘A’)

    9)

    Santoro R., Le dinamiche concordatarie tra Santa Sede e Stati islamici, in Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Rivista telematica (www.statoechiese.it), 29, 2018, pp. 1-36. (Prodotto di fascia ‘A’)

    10)

    Pignata M., La libertà di informare e di essere informati. Dissertazioni giurisprudenziali in età repubblicana, in Archivio Penale, 2018, p. 1-38. (Prodotto di fascia ‘A’)

    11)

    Pignata M., La libertà di stampa in un Paese in cerca d’identità, in Historia et Ius, vol. 12/2017, p. 1-16. (Prodotto di fascia ‘A’)

    12)

    Sorvillo F., Lavoro, discriminazioni religiose e politiche d’integrazione, in Stato, Chiese e Pluralismo confessionale, Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 18-2017; (Prodotto di fascia ‘A’)

    Altri autori: L. Saporito, L. Decimo

    13)

    Aveta R., The Regulation of the Archeological Goods and the Reform of the Protectionist Regulations, in The Cardozo Electronic Law Bulletin, 2018, pp. 1-27. (Prodotto di fascia ‘A’)

    facebook logoinstagram buttonyoutube logotype